Bibliografia 3° parte

long02UNIVERSAL CLOCK – FORECASTING TIME AND PRICE IN THE FOOTSTEPS OF W.D.GANN di Jeanne Long’s

Pubblicato nel Luglio 1993, questo libro raccoglie il lavoro di tanti anni di studio e di ricerca dell’autrice su uno dei strumenti più misteriosi usati da Gann, il Price and Time Wheel for Grain and Wool. Con l’intento di comprendere come Gann sia stato in grado di fare alcune sue famose previsioni di mercato e in che modo abbia sviluppato il suo strumento di calcolo, Jeanne Long ha ripercorso le orme del grande Gann visitando nel 1991 il British Museum di Londra per studiare i manufatti egizi e la scoperta da parte dell’archeologo Sir. Leonard C. Woolley dell’antica città di Ur in Mesopotamia. Particolare attenzione è stata dedicata alle tavole di argilla con scritti astronomici, da cui l’autrice ha tratto importanti spunti di archeo-astronomia riguardo alla relazione tra il prezzo e il tempo.

Jeanne Long ha studiato a fondo molti manufatti scoperti nell’antica città di Ur, alcuni datati 5000 anni, e le tavole di argilla con scritture cuneiforme di fenomeni astronomici del tempo. Queste tabelle le hanno fornito non solo preziose informazioni planetarie ma hanno predetto eventi che sarebbero accaduti in un preciso tempo. Osservando alcune tabelle che fanno riferimento al prezzo del grano in stretta relazione con il pianeta Mercurio e il Sole, l’autrice ha colto chiaramente perchè Gann ha visto questo come ripetizione di simili condizioni, dunque la ripetizione dei cicli e anche del prezzo. Secondo l’autrice Gann usava l’Universal Clock per il suo personale trading e per molte delle due famose previsioni. In sostanza l’Orologio funziona come un Master Timing Device.

british03Studiando la storia passata e sapendo che il futuro altro non è che una ripetizione del passato, è possibile determinare la causa in accordo al tempo e alla condizione. A volte è necessario andare molto indietro per determinare la causaW.D.Gann. Jeanne Long ha recepito in pieno quanto scritto da Gann e nella sua lunga ricerca e scoperte in oltre 30 anni in Astronomia, Astrologia, Archeoastronomia e 12 anni di trading in futures markets, ha acquisito la conoscenza che le ha permesso di comprendere come funziona l’Orologio Universale.

Cap. 1 – Following in the Footsteps of W.D.Gann, Cap. 2 – The Archeoastronomy Legacy, Cap. 3 – Price Repetition Patterns, Cap. 4 – The Universal Clock, Cap. 5 – Planet in Action, Cap. 6 – The Divisions of the Universal Clock, Cap. 7 – Wheels within Wheels, Cap. 8 – Planets take Price by the Hand.

A partire dal 1989 Jeanne Long ha curato la pubblicazione dei seguenti articoli “Trading Planetary Cycles“, “Following the Footsteps of Gann“, “Now a new kind of Timing Universal Clock Software“, “Forecasting for Profit” e “Planetary Timing for Buying Stocks“.

 

forrest12The Pythagorean Cube or Gann Wheel of Price and Time di Forrest E. Wilke

Forrest Wilke è stato un future trader nelle commodities per 56 anni. Il suo iniziale interesse per le commodities risale al periodo in cui da bambino la sua famiglia era proprietaria di un commercio all’ingrosso di cottura e dalla sua esperienza, in età matura, di far funzionare il più grande panificio militare in una base americana durante la II Guerra Mondiale. Nonostante la sua lunga esperienza di studioso della Gann’s Theory che risale agli ultimi anni di vita di Gann, Forrest è il primo ad ammettere che non ha ancora tutte le risposte. Ma nella sua onestà intellettuale, ciò che lui offre come metodo di trading e regole di negoziazione ha resistito alla prova del tempo.

E’ stato conferenziere e istruttore in molti seminari organizzati negli Stati Uniti presso la Gannsoft Publishing Company fino al 1997, occupandosi del Quadrato di 9 e del Circolo di 24, argomenti poco trattati nella maggioranza dei seminari ad esclusione di quelli svolti presso la Lambert-Gann Publishing Company.

forrest32Negli ultimi anni Forrest Wilke ha sviluppato un nuovo corso di istruzioni sull’uso della Gann Wheel, detta anche Pythagorean Cube, suo principale strumento di calcolo del fattore Tempo e della componente prezzo nell’attività di trading durata oltre 50 anni. E’ dunque grazie a questo nuovo corso, dove l’autore in 95 pagine racchiude tutta la sua conoscenza acquisita nel corso della sua vita, che è possibile accedere ai meccanismi di calcolo del Tempo e del Prezzo che si celano dietro la misteriosa Ruota di Gann. Il corso si compone oltre del manuale con numerosi esempi pratici, anche di tre ruote collegate tra loro sovrapposte al Quadrato di 9.

 

jensen02Astro-Cycles & Speculative Markets di L.J.Jensen

Questo libro rappresenta oltre 50 anni di esperienza nell’uso dell’Astrologia al trading sui mercati. Mr. Jensen ha speso gran parte della sua vita a studiare le relazioni esistenti tra i movimenti di mercato e i cicli planetari. I suoi record di trading sono documentati in diversi articoli pubblicati su magazine nazioni mensili e sui commenti settimanali di newsletter di proprietà. Dal 1931 al 1954 Jensen ha scritto alla sezione Comment Astro-Economic del magazine mensile Astrological Bulletina e dal 1933 al 1959 il Business Outlook nella sezione dedicata del Merchants Trade Journal. Negli ultimi anni ha lavorato come analista per una prestigiosa società appartenente al New York Stock Exchange fino alla morte avvenuta nel 1981.

Pubblicato nel 1978, in questo libro Jensen all’età di 77 anni ha assemblato tutto il lavoro della sua vita durato oltre 50 anni. Il materiale contenuto in questa edizione fu pubblicato in tre distinte brochures con copyright 1935 e 1938. Un riassunto della terza brochure sui metodi di charting dei mercati è stata rilascita nel 1961 come uno dei tanti studi di mercato nel periodo in cui l’autore era analista presso il NYSE. Questa edizione comprende tutti e tre gli originali lavori con l’aggiunta di materiale al fine di colmare un vuoto e dare continuità ai diversi argomenti grazie ad esempi di lavoro e casi pratici che dimostrano la validità dei principi illustrati nel libro.

jensen03La Sezione I, Major Trends in American Economics, è una introduzione alle applicazioni pratiche di ciò che Jensen ha definito astro-cycles, che hanno come fonte le orbite astronomiche dei principali pianeti nella nicchia di Universo rappresentato dal Sistema Solare della Terra. Particolare enfasi è data agli effetti dell’apparente congiunzione di Giove e Saturno circa ogni 20 anni e dal ciclo di Urano. Nella Sezione II, Astro-Economics Interpretation, l’autore presenta le procedure salienti degli astro-cicli applicate alle cose mondane, psicologia di massa, cicli economici e di affari, oscillazioni di prezzo sui mercati delle commodities e azionari, guerre. ecc. . Il contenuto della Sezione III, Market Charts, che si occupa dei fondamenti del charting e delle sue applicazioni all’analisi dei prezzi e del tempo, fu originariamente pubblicato dall’autore nel libro “MARKET CHART – A Correlation of the Geometrical Method” copyright 1934 e per molti anni out of print.

 

cosmic10COSMIC PATTERNS – Their Influence on Man and His Communication di J. H. Nelson

Pubblicato dalla American Federation of Astrologers Inc. nel 1974 e in seconda ristampa nel 1991, questo libro non ha nulla a che fare con i mercati finanziari o metodi di trading bensì affronta una delle questioni più contoverse nel campo della scienza dei sistemi solari: i pianeti hanno un ruolo nello sviluppo e nel comportamento delle macchie solari e nelle tempeste magnatiche? L’autore John Nelson, ingegnere e astronomo dilettante, ha dedicato 30 anni a questa ricerca costruendo un piccolo osservatorio su un tetto nel centro di Manhattan e giungendo alla conclusione che i pianeti in certe configurazioni determinano cambiamenti nelle radiazioni solari che sono associate a tempeste magnetiche che colpiscono l’atmosfera della terra. Nel 1946 gli fu assegnato il compito dalla RCA Comunications di approfondire i suoi studi sulle macchie solari perchè si riteneva essere la causa delle tempeste magnetiche che di volta in volta disturbavano le comunicazioni a onde corte. Lo scopo era di trovare un modo, con apposite apparecchiature di emergenza, in grado di anticipare le tempeste magnetiche che ostacolavano la ricezione radio d’oltreoceano a onde corte.

Registrando e analizzando i dati raccolti alla stazione di ricezione della RCA a Riverhead di New York nel tentativo di scoprire correlazioni tra le tempeste magnetiche e la posizione heliocentrica dei pianeti, Nelson scopri tra il 1949 e il 1951 che l’85% delle tempeste magnetiche avevano luogo quando due o più pianeti erano in quella che lui chiamò aspetto di 0°, 90° o 180° rispetto alla posizione del sole.

cosmic3In particolare fu durante l’osservazioni delle macchie solari che Nelson si convinse che, oltre alla loro attivià, altre forze agivano sul sole influenzando le condizioni meteo-magnetiche sulla superficie della Terra. Questa convinzione l’ha portato a calcolare l’esatta posizione dei pianeti rispetto al sole, concludendo:

  • quando due o più pianeti sono perpendicolari tra loro o in linea sullo stesso lato del sole, i disturbi magnetici si verifcano più frequentemente sulla superfie della Terra;
  • il periodo più perturbato sarà quello preceduto o a seguito della configurazione angolare Saturno e Giove rispetto al Sole;
  • i disturbi più gravi si presentano quando Mercurio, Venere, Marte e Terra sono in rapporto critico rispetto alla configurazione angolare Saturno-Giove, come accaduto nel Luglio 1946;
  • che i periodi con minor disturbo si verificano quando Saturno, Giove e Marte sono in aspetto di 120°.

J.H. Nelson divenne presidente della Radio Corporation of America e per i suoi risultati grazie al quale formulò un metodo di previsione delle tempeste magnetiche che interessano i segnali radio esatto nell’85% dei casi gli fu assegnata la medaglia d’oro dalla Foundation for the Study of Cycles.

 

langham02CYCLICAL MARKET FORECASTING STOCKS and GRAIN di James Mars Langham

Questo libro fu originariamente pubblicato in I edizione da The Maghnal Publishing Co. in Los Angeles nel 1938. Nella prefazione l’autore James Langham scrive:  ” Sei anni sono trascorsi dalla pubblicazione del mio primo volume intitolato “Planetary Effects on Stock Market Prices”. In quel primo libro ho dimostrato con tabulati documentati una decisa connessione e  la correlazione tra le principali tendenze del mercato azionario e i movimenti dei pianeti maggiori. Pratiche regole e formule sono state date per le tendenze di lungo periodo. L’edizione completa è stata quasi tutta venduta, gli ordini sono stati ricevuti e le copie inviate nella maggior parte dei paesi del mondo; gli acquirenti erano economisti, consulenti di investimento, operatori di mercato professionisti e studenti. … Vi è una richiesta di maggiori informazioni sui dettagli pratici della Planetary Theory in risposta alla quale io sto offrendo questo secondo volume. Nulla sarà presentato che non abbia incontrato la mia personale soddisazione. Tutte le regole usate nelle previsioni presenti in questo volume sono state testate su dati passati in molti anni. … C’è un crescente interesse da parte del pubblico per comprendere come le forze cosmiche dai corpi del nostro sistema solare hanno un effetto sulla nostra salute fisica, psicologica e materiale. … Nella prima parte di questo volume che precede le attuali regole e formule previsionali, ho dato i fondamenti astronomici necessari per la comprensione e l’applicazione dei fattori di tendenza di lungo, e nel Capitolo 12 le istruzioni dettagliate necessarie per redigere i charts mensili. … In breve, questo libro è una sintesi dei principali fattori fondamentali che sto usando con successo nel mio market bulletin service”.

Cap. I – Explanation of how the described planetary effects on economic trends are based solely on tabulated records  of the past 75 years that prove it …, Cap. II – Preliminary techinical information. A nautical almanac or ephemeris needed. Where to get it and how to read it. An explanation of which aspects are bullish and which bearish. The cyclical period of each planet and of two combined. Cap III – Major market trends and which planet combinations cause them. The best and strongest long pull indicator. Another very reliable repeating indicator … Cap. IV – Chain Effects. Explanation of the great power and influence of a chain or sequence of planetary formations. When major trends start and when finally end … Cap. V – Other long term indicators. Angular signs. Transit. The indications of a Neptune combination from 1939 to 1943, a first promise then a warning. Heliocentric positions and their effects. Explanation of big chart, showing trend of Dow Jones Industrial Averages compared to planetary positions, and prevailing sun-spots, in detail from 1900 to 1938 … Cap. VI – Sun Spots. Solar Radiation. Ultra-Violet Rays. The correlation of sun-spots to economic trends for last 50 years. How the sun-spot theory relates to the planetary theory. Cap. VII –Short Swing Indicators. What minor planets indicate the short swings. Tabulated records show a start-ling verification. Breeders and exciters … Cap. VIII – Tape indications. Numerous examples of how the termination of line formations and the direction immediately following, diverging averages and triple tops, has been foretold by coinciding or approaching, major and minor planetary formations … Cap. IX – Eclipses, Ingress, and Lunations. Cap. X – Grain Forecasting. Cap. XI – Description of a market advisory service. Annual and weekly bulletins. Reproduction of the 1938 Trend Chart that was drawn, issued, and copyrighted one year in advance in December 1937 … Cap. XII – Detailed instructions on how to erect ingress or lunation charts for any date.

Translate »